fbpx

VDL2022 Interconnessioni e snodi, primo giorno

Qualche spruzzo di pioggia e un po’ di vento non hanno impedito il primo dibattito della settima edizione de la Via dei Librai che si è svolto nell’isola Sciascia di Piazza Bologni con al centro proprio lo sviluppo possibile de la Via dei Librai.

Interconnessioni e snodi, il tema di quest’anno della manifestazione che ha preso il via oggi disegna il possibile sviluppo del libro, del suo commercio e dell’economia della cultura che si può potenziare non solo nel centro storico di Palermo ma anche in altre zone della città.

Ne hanno parlato Giulio Pirrotta e Giuseppe Scuderi del comitato scientifico de la Via dei Librai con Giovanna Analdi, presidente dell’associazione Cassaro Alto, che promuove l’iniziativa, e Patrizia Di Dio, presidente di confcommercio Palermo.

La prospettiva è quella di diffondere l’idea secondo la quale il libro è un oggetto che crea una comunità tra il commerciante libraio e il suo cliente, un vincolo che va al di là dell’aspetto economico e che, come ha sottolineato Nicola Macaione, diventa a volte qualcosa di molto di più di un’amicizia; un rapporto speciale che si instaura tra chi va in libreria per acquistare il libro e chi lo deve consigliare, guidandolo tra le migliaia di titoli che ci sono tra gli scaffali.

Ecco perché Patrizia Di Dio ha sottolineato come questa idea ne la Via dei Librai è qualcosa che può andare molto più in là del Cassaro Alto, che ha segnato la sua nascita e il suo sviluppo; può essere un marchio vincente anche in altri quartieri cittadini.

E, infine, Giovanna Analdi ha voluto sottolineare come finalmente quest’anno il ritorno in presenza, dopo due anni di pandemia, ha segnato la voglia di partecipazione, anche con questa prima giornata parzialmente condizionata da qualche goccia di pioggia, di migliaia di persone che hanno affollato via Vittorio Emanuele, divenuta di nuovo la Via dei Librai come lo è stata nei secoli scorsi.

VDL2022 Interconnessioni e snodi, primo giorno

Leggi anche:

La carica dei centomila sul Cassaro

Folla anche nell’ultima giornata, favorita dalla festività del 25 Aprile Palermitani e tanti turisti, molti stranieri, il mix vincente dell’edizione che si è chiusa lunedì

Torna su